Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.

Melis conferma: a Cairo niente lista per i 5 Stelle

Melis conferma.

Il Movimento Cinque Stelle abdica al suo ruolo di proposta politica amministrativa per il Comune di Cairo. Ci accontenteremo dell’ennesimo inutile interpellanza in Consiglio Regionale e di qualche sterile polemica sui quotidiani locali.
Se questo è il loro modo di fare politica…. i loro elettori dovrebbero riflettere…

Da “L’Eco della Valbormida”, articolo di Enrica Bertone.

Nei giorni scorsi il sindaco uscente di Cairo, Fulvio Briano, ha affermato che non ci sarà nessuna lista pentastellata in lizza alle amministrative della città, chiedendosi, inoltre, “cosa continui a fare il Movimento sul territorio”.

A rispondergli, con considerazioni che sanno di conferma a ciò che ha dichiarato il primo cittadino in merito alla lista, è il consigliere regionale Andrea Melis: “Caro sindaco Briano, per noi la politica non è un risiko. Il MoVimento 5 Stelle non è nato per piazzare bandierine su questo o quel comune, ma per dare risposte ai cittadini che negli ultimi vent’anni si sono sentiti dimenticati dalla vecchia politica, traditi da logiche di partito e di spartizione del potere che nessuno capisce più. La faida interna al Pd andata in scena negli ultimi giorni a Roma, e di riflesso a livello locale, è l’emblema di un partito sempre più attorcigliato su se stesso e sulle proprie infinite correnti interne, lontano anni luce dai problemi reali che toccano da vicino i territori. Come abbiamo sempre detto, la lista non è un’ossessione per il MoVimento 5 Stelle. Se ci sono le condizioni per realizzarla in modo costruttivo per la città, ben venga. In caso contrario, nessuna forzatura. Il MoVimento 5 Stelle sul territorio di Cairo sarà presente comunque, in altre forme, a sostenere come sempre le grandi battaglie che la comunità valbormidese si prepara ad affrontare, a cominciare dalla paventata privatizzazione dell’ospedale. Al contrario del partito di Briano, non ci nascondiamo dietro liste o listine civetta, com’è avvenuto anche alle amministrative di Savona. Evidentemente i dem sono i primi a non fidarsi più del proprio simbolo. Una paura legittima, ma così si getta fumo negli occhi dei cittadini!”.

Da IVG, articolo della Redazione

“Il M5S e Melis probabilmente pensano che Cairo Montenotte sia un comunello da snobbare, neppure degno di una loro presenza nella prossima amministrazione comunale. La loro decisione di non partecipare alla prossima tornata elettorale rappresenta non solo un fallimento in termini di consenso sul territorio ma anche un evidente segnale di arroganza rispetto ad una Valle che tanto ha dato alla nostra provincia in termini di sacrifici del territorio e dell’ambiente”.
A dirlo è il sindaco uscente di Cairo Montenotte Fulvio Briano, che così replica alle dichiarazioni di questa mattina del consigliere regionale pentastellato Andrea Melis a proposito delle prossime elezioni che porteranno al rinnovo dell’amministrazione comunale cairese.
“Per noi la politica non è un risiko – aveva detto Melis rivolgendosi direttamente a Briano – Il MoVimento 5 Stelle non è nato per piazzare bandierine su questo o quel comune, ma per dare risposte ai cittadini che negli ultimi vent’anni si sono sentiti dimenticati dalla vecchia politica, traditi da logiche di partito e di spartizione del potere che nessuno capisce più. Come abbiamo sempre detto, la lista non è un’ossessione per il MoVimento 5 Stelle. Se ci sono le condizioni per realizzarla in modo costruttivo per la città, ben venga. In caso contrario, nessuna forzatura. Il MoVimento 5 Stelle sul territorio di Cairo sarà presente comunque, in altre forme, a sostenere come sempre le grandi battaglie che la comunità valbormidese si prepara ad affrontare, a cominciare dalla paventata privatizzazione dell’ospedale” sottolinea ancora l’esponente del Movimento 5 Stelle”.
“Al contrario del partito di Briano, non ci nascondiamo dietro liste o listine civetta, com’è avvenuto anche alle amministrative di Savona. Evidentemente i Dem sono i primi a non fidarsi più del proprio simbolo. Una paura legittima, ma così si getta fumo negli occhi dei cittadini”, aggiungeva Melis.
Secca la replica di Briano: “Melis sa che qui abbiamo ben amministrato e i temi a loro cari non scalfiscono il consenso dell’amministrazione uscente e del centro sinistra cairese. Più facile a questo punto non metterci la faccia, fare ogni tanto un pò di gossip scandalistico e continuare a pontificare da Genova tramite le solite “interpellanze” in consiglio regionale la cui efficacia è sotto gli occhi di tutti”.
“Caro Melis, allora l’appuntamento è rinviato al 2022. Magari per quella data, se ancora esisterete, sarete pronti”, conclude il sindaco di Cairo Fulvio Briano.

L’Eco della Valbormida progetto editoriale dedicato al territorio dell’entroterra savonese.
IVG – Il Vostro Giornale

Ancora nessun commento.

Che cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *