Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.

Stai consultando Lavoro

Città di Cairo Montenotte: il Bilancio Sociale di Fine Mandato 2012-2016

Tutti i Cairesi stanno ricevendo il bilancio sociale ovvero i risultati conseguiti in questi anni dall’Amministrazione che mi ha visto Sindaco.
E’ un atto dovuto e doveroso di trasparenza e condivisione a maggior ragione visto che non sarà di questa partita elettorale.
Ho imparato che la buona amministrazione si fa anche sui numeri, sulla programmazione e sulla condivisione.
Le parole e le promesse sono belle ma poi devono imparare dai fatti.  Ne abbiamo… fatti di… fatti!

E’ stata approvata la legge sulla responsabilità professionale dei medici e la sicurezza delle cure

Lunedì pomeriggio, nella Sala Rossa del Comune di Savona, il Partito Democratico savonese ha organizzato il convegno “La nuova disciplina in materia di responsabilità professionale del personale sanitario” con la partecipazione dell’On. Federico Gelli, primo firmatario e relatore del DDL sulla responsabilità professionale del personale sanitario e dell’On. Anna Giacobbe.

Dialogo e confronto, poi un piano strategico subito operativo contro la crisi dell’economia savonese

Io sono un amministratore e sono anche il segretario provinciale del PD: il mio è un ruolo di mediazione, in entrambe le funzioni.
L’elemento distintivo del mio agire è l’ascolto: ascoltare le istanza, le rivendicazioni, anche le aspettative e le speranze.
Poi, attraverso il dialogo ed il confronto, fare proposte e quindi assumere decisioni delle quali divento responsabile.

Il jobs act dentro il Partito Democratico: come la penso

La Direzione è il luogo dove deve avvenire il confronto, anche aspro, se necessario, ma sempre onesto, che deve svilupparsi a partire dalla relazione del Segretario.
Alla ricerca della nuova identità di una sinistra che sia davvero popolare, nel senso di vicina a tutto il popolo, oltre i limiti dettati dalla salvaguardia di questa o quella garanzia, di questa o quella generazione.

Lentezza della politica e isolamento dei Comuni, occorre un cambiamento forte

La politica deve cambiare ritmo.
Occorre che i Ministeri si adeguino non solo alle necessità dei mercati, come giustamente rivendicano gli imprenditori, ma anche a quelle del territorio in tema ambientale e di sviluppo.
E i Comuni non devono essere lasciati soli di fronte ai grandi gruppi industriali.
Se si vuole raggiungere un cambiamento in grado di migliorare le cose non si può non partire dalla burocrazia degli apparati e da un diverso rapporto tra la politica centrale e gli enti territoriali periferici, quindi i cittadini.